Tempo di scarafaggi, neve noir e panchine

C'è un bel viavai di cicloni e da giorni non fa che piovere a dirotto. Ancora un po' di pazienza e vi prometto che per la notte di Halloween non ci saranno tuoni e lampi ma solo pipistrelli, gatti neri e libri da brividi. Tempo di leggere vi suggerisce  scarafaggi, neve noir e misteriose panchine.

 

Nord

A volte, dopo tanta piaggia, si vede in giro qualche scarafaggio. Dicono che queste bestioline siano molto turbate dalle nostre storie: uomini che diventano scarafaggi (Kafka), scarafaggi che diventano uomini (Murakami) e chissà cosa si è inventato Jo Nesbø nell'ultimo romanzo Scarafaggi (Einaudi Stile Libero, 2015).

 

Centro

Il sole torna dopo interminabili ore di pioggia. Si vede, in cima alle montagne, la neve. Qualche ingenuo sospira pensando che bello! Ma attenti alla Tempesta di neve e profumo di mandorla di Camilla Läckberg (Marsilio, 2015). Anche la neve può essere noir

 

Sud

Ancora nuvole ma  per fortuna la pioggia ha smesso. Halloween sarà piacevole e si potrà tornare a  passeggiare nel parco. Sedetevi su una panchina a leggere il romanzo mozzafiato Central Park di Guillaume Musso (Bompiani, 2015). Un uomo e una donna si risvegliano ammanettati a una panchina e non ricordano nulla. 

 

Giovanna Iorio

“Avere la libertà di parola non è abbastanza. Bisogna imparare a parlare liberamente.”
C. Hitchens

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.