Tag: Finzioni n. 2

Bere meno, bere tutti

La Posta di Matteo Bettoli / Bere meno, bere tutti

Caro Bettoli, fiorisce con la primavera tutta una serie di libri-inchiesta atti a farci sentire di merda (e.g. Italiettari della Pavoni, Le presento mio nipote di Brancoli, Schadenfreude a go-go di Scelpi). Ci sentiamo un po’ male per il nostro essere uomini, donne, ragazzini, ragazzette, amanti, nerds, parenti dei VIPs…

0 Condivisioni

After Dark di Murakami Haruki

Recensioni / After Dark di Murakami Haruki

After Dark parla di come ci si possa chiudere dentro se stessi tanto velocemente da non rendersene conto, ma anche in che modo una notte possa inaspettatamente portare chiarezza: l’oscurità del proprio profondo è in netto contrasto con le insegne luminose al neon dei quartieri di Tokyo che non dormono mai

0 Condivisioni

Né di Eva né di Adamo

Recensioni / Né di Eva né di Adamo

Le magnifiche stanze tradizionali profumavano di tatami fresco, e ciascuna aveva la sua immensa vasca da bagno zen, riempita ininterrottamente da un bambù che vi versava acqua bollente. Per evitare che debordasse, nella pietra cruda del bagno era stato praticato un orifizio, sopra il quale campeggiava l’ideogramma della balla di fieno incendiata, simbolo del nulla.

0 Condivisioni

Ahhh calcio

La Posta di Matteo Bettoli / Ahhh calcio

Ahhh Bettoli il giuoco del pallone. Ahhh lo sguardo di chi perde. Ahhh il cuore rimbalzante di chi vince. Ahhh gli scontrincontri tra rivali. Ahhh le bandiere. Ahhh chi ritorna sempre. Ahhh gli sfottò. Ahhh le tifoserie fedeli. Ahhh chi non ce la fa. Ahhh chi sta da solo. Ahhh chi c’ha i piedi girati al contrario. Ahhh la rustichella in autogrill.

0 Condivisioni

Sputerò sulle vostre tombe

Recensioni / Sputerò sulle vostre tombe di Boris Vian

Un nero che vuole fare il bianco. Due bianche che si vogliono fare il nero che vuole fare il bianco. Un nero che vuole fare il bianco che vuole farsi tante bianche, magari anche ucciderne un paio, per vendicare un nero che voleva fare il nero. Tosto vero? Tosto sì. Tosto e censurato.

0 Condivisioni

Non ascoltare il rumore rosa

La Posta di Matteo Bettoli / Non ascoltare il rumore rosa

Se parliamo di senso di colpa e frustrazione, colore e ripensamento, inevitabile corre il pensiero a Non ascoltare il rumore rosa, storia di una telefonata di un’ora, libretto ipoinchiostrico, confessione sussurrata e col naso chiuso di quella che è stata una delle più celebri telefonate-summa di meucciana memoria. Un dialogo secco, impostato su domande e silenzi continui, insistiti e invadenti

0 Condivisioni

Raymond Queneau

The Godfather / Raymond Queneau

C’è un esempio famoso di Umberto Eco che più o meno dice: i parenti sono serpenti solo per la rima e non per la consanguineità. Nella poesia è il suono che comanda. Nella letteratura no, perché la letteratura crea dei mondi. È una cosmogonia. Ovviamente i mondi creati dai libri non sono reali, né veri. Basti pensare alla fantascienza o, più semplicemente, al Codice da Vinci.

0 Condivisioni

Numero 2

è uscito il numero 2 di Finzioni!

Questo mese:
* Letterature involontarie: Alloprassìa
* Oh, Scena!: Ubu Re
* Le città letterarie: Trieste
* Biografie Edulcorate: John Fante
* Charlie Vs Proust: Scene di vita vissuta
* I ferri del mestiere: Quelle dei diritti
* La posta dei lettori di Matteo Bettoli

0 Condivisioni