Il processo (torna il Finzionato!)

Appassionati di letteratura e del fantastico gioco del pallone di tutta Italia, oggi ricomincia Guida al Finzionato, l'unica rubrica dove si danno i voti ai personaggi dei libri come se fossero dei calciatori.

Siamo partiti con un po' di ritardo rispetto al campionato di Serie A, ma stavamo aspettando che i vari processi per il calcio scommesse arrivassero ad una soluzione… ma la fine è ancora lontana e noi rimaniamo in clima raccontandovi i 90 minuti di un classico dei processi: Il processo di Kafka, mica quello di Biscardi!

Oggi si è giocato allo stadio "Il tribunale", un campo da gioco con regole tutte sue, che non ci è dato conoscere.

Siori e siore, ecco il pagellone!

 

Josef K., voto 6. Brutto risveglio per la punta di diamante della squadra, come spesso accade ai top player allenati da mister kafka. Sarà colpa della preparazione sbagliata o della disposizione tattica scorretta, fatto sta che fino alla fine non riesce a divincolarsi dai legacci degli accusatori avversari. Incolpevole.

 

Avv. Huld, voto 4. Schierato in difesa per bloccare gli attacchi della malagiustizia, si piega allo schema di gioco degli avversari e va a finire che non difende un bel niente. Azzeccagarbugli.

 

Leni, voto 5. Ha ben altre cose per la testa, altro che giocare a pallone! A questa servetta lussuriosa interessano gli intrallazzi, come a una Velina qualsiasi. Mettetele davanti un bel maschione in calzoncini e non capisce più niente. Ninfetta.

 

Tintorelli, voto 4. Dovrebbe fornire a Josef K. l'assist per segnare il gol decisivo, ma la Vittoria si limita a disegnarla sulle sue croste di quadro. Tra l'altro, un Vittoria unita alla Giustizia, con la benda sugli occhi e i piedi alati che portano solo ad un ennesimo vicolo cieco. Inutile.

 

Mister Kafka, voto 9. È evidente che mette la formazione in campo più per il bel gioco che per vincere la partita. E come dargli torto: non vince, ma Il processo è un libro stupendo e impenetrabile, che lo mette di diritto nell'olimpo dei grandi filosofi incompresi del calcio e della letteratura. Uno alla Zeman, insomma.

 

Ci vediamo domenica prossima! E se volete dare anche voi un po' di numeri, scatenatevi col vostro personalissimo pagellone del Finzionato!

Michele Marcon

Mi piace leggere, per questo leggo di tutto: le scritte sui muri, i foglietti illustrativi delle medicine, gli ingredienti sulle scatole di biscotti, le espressioni sui volti delle persone e sì, anche i libri.

1 Commento