Ecco a voi la Top 5 dei titoli più lunghi della… (continua)

Quanti di voi scelgono un libro in base al titolo? I titoli sono il primo approccio con un libro e devono essere accattivanti.

Anche la lunghezza del titolo è un parametro molto importante. I titoli lunghi possono spaventare il lettore ed essere meno attraenti. I titoli lunghi e interessanti sono quindi una rarità e una sfida alla sorte, e bisognerà pure premiarli in qualche modo.

Dalla presente classifica sono esclusi i saggi del tipo: Abitudini alimentari e riproduttive della vespa monachina del Sahara sub tropicale, rilevate nei mesi estivi degli anni dispari.

 

1. E a mio nipote Alber lascio l’isola che ho vinto a Fatty Hagan in una partita a poker. Che dire… questo titolo mi ha intrigato dal primo momento, è quasi un racconto breve. David Forrest ci parla di una piccola isola nella manica, più che altro uno scoglio, che nei primi anni settanta diventa un emblema della guerra fredda, a causa dell’incagliamento di una nave spia russa e del successivo arrivo dei marines.

 

2. La mirabolante avventura di John Lempriere, erudito nel secolo dei lumi. Romanzo di Lawrence Norfolk che tiene fede alla promessa fatta nel titolo, e spazia nei vari generei della letteratura, dal giallo allo storico all’avventura. Mi ha folgorato sin dalle prime pagine, grazie alla descrizione della scoperta degli occhiali da parte del protagonista. Vi basti sapere che l’occhialaio si chiama Ichnabod.

 

3. Alle sette del mattino il mondo è ancora in ordine. Eric Malpass ci racconta la vita e le avventure di Gaylord, un bambino su cui «i rimproveri indiretti erano una di quelle cose che scivolavano via senza lasciare traccia». Una lettura leggera e divertente su una famiglia inglese e sull’infanzia.

 

4. Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop. I titoli cominciano ad accorciarsi, ma questo non pregiudica la bontà dei romanzi. Storia d’amore lesbica, spaccato di vita di un paesino del sud degli Stati Uniti e ricettario per aspiranti cannibali. Fannie Flagg ci serve una lettura interessante.

 

5. Guida Galattica per gli Autostoppisti. Douglas Adams! Non servono ulteriori parole (ma le userò lo stesso). La Terra distrutta causa lavori, l’incredibile manuale che, con il solo utilizzo del suo sapere e di un asciugamano, è in grado di salvare più vite di un cane di San Bernardo, la Cuore d’Oro e il suo motore a improbabilità. L’umorismo demenziale al suo apice, non potevo non citarlo, soprattutto ora che, come Ford Prefect, faccio parte di una redazione.

 

E ora voglio vedere se riuscite a trovare dei titoli più lunghi e interessanti di questi!

Davide Piccirillo

Nel tempo libero somiglio ai miei gatti: amo dormire, stare sdraiato sul divano, alzarmi, stirarmi, guardarmi in giro e poi tornare a stendermi. Rispetto a loro ho la possibilità di leggere (libri, fumetti) e vedere film o serie Tv. La sfrutto abbastanza.

7 Commenti
  1. “The Life and Opinions of Tristram Shandy, Gentleman”
    “A Sentimental Journey Through France and Italy”
    Entrambi di Laurence Sterne, sono abbastanza contenuti in lunghezza. Per rimediare, ripropongo un classico nel suo titolo originale:
    “Travels into Several Remote Nations of the World, in Four Parts. By Lemuel Gulliver, First a Surgeon, and then a Captain of several Ships”
    Gli inglesi non avevano proprio il senso della misura…

  2. Questi inglesi… 😀
    In originale anche Alice nel paese delle meraviglie e il suo seguito non scherzano

  3. “Sulla sponda del fiume Piedra, mi sono seduta e ho pianto” – Paulo Coelho

  4. C’è un delizioso romanzo di fantascienza satirico-distopica, pubblicato anche in italiano ma purtroppo ormai irreperibile, Chronocules ( I Crononauti) che in originale è stato pubblicato anche con il titolo alternativo “Hot Wireless Sets, Aspirin Tablets, the Sandpaper Slides of Used Matchboxes, and Something that Might have been Castor Oil”

  5. “La signorina Gentilin dell’omonima cartoleria” – titolo lungo – e intrigante per come sembra faccia del tutto a meno di qualsiasi richiamo del merchandising – per un romanzo breve che però continua e continua e continua: un libro piccolo che non finisce mai.

  6. “Storia controversa dell’inarrestabile fortuna del vino Aglianico nel mondo” di Gaetano Cappelli

    “La incredibile e triste storia della candida Eréndira e della sua nonna snaturata” di G.G. Marquez

    “Non ardo dal desiderio di diventare uomo finché posso essere anche donna bambino animale o cosa” Alessandro Bergonzoni