A volte ritornano

Attualità e Approfondimento / A volte ritornano

Si dice che abbiano ripescato da fonti quanto mai inesauribili altro e altro e altro della Fallaci. La Rizzoli ha pusher da urlo quando serve. Forse, (cfr. Espresso) si intitolerà Saigon e così via. Comunque ancora non è dato sapere, solo ci basti che Oriana potremo leggerla di nuovo e ancora. Anzi, già che ci siamo scriviamolo tutti su twitter, farà meno scena di Easton Ellis, ma insomma è lo stesso. Chi cerca ragguagli può trovarli in Comunicare con twitter, che ci spiega un pochino meglio cose che già sappiamo, però in chiave post moderna socio antropologica così possiamo sentirci più elevati senza sforzo. Che poi è una genialata messa in piedi da tre sbarbatelli americani, forse un po’ nerd, che sicuramente mentre posano accanto a statue verdi (sempre cfr.) leggono finzioni. Così come legge finzioni e non l’Espresso, Amelie, che ritorna anche lei, (Amélie Nothomb, Il viaggio d’inverno, Voland , 12 euro)per mantenere la media pubblicazioni. Nuovo personaggio dal nome improbabile, Zoile, nell’ultima fatica presentata e ricamata in passaggi televisivi imposti dall’editore all’autrice. (ah, il mercato odierno). E la nostra si presenta, di messa in onda in messa in onda, per dirci che nella letteratura c’è molto di più che solo letteratura. Un minuto di raccoglimento. Un inchino. E, vi prego, tornate in voi. E leggete di Tony Pagoda.

Licia Ambu

Licia Ambu

Pensa che avere una sola personalità sia uno spreco di spazio. In fase di definizione a ciclo continuo, ama in ordine sparso nonché intercambiabile un sacco di cose.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.