Bugie in… accademia!

Photocredit: Gicoadv

Abbiamo da poco festeggiato i 130 anni di Pinocchio quand'ecco una notizia che fa eco profonda al carisma del grande burattino. É nata qualche giorno fa L'Accademia della bugia. Avete capito bene. In Italia non poteva mancare.

Esisteva già un Campionato italiano della bugia, con disfide a colpi di scrittura e/o di disegno. I promotori erano gli stessi che oggi hanno deciso di ufficializzare il tutto in istituzione dando vita all'Accademia. La sede è a Piastra vicino Pistoia e il presidente onorario scelto è Gene Gnocchi. Accademici bugiardi (o bugiardi accademici, ma non è mio intento offendere nessuno!) sono il sindaco di Pistoia, Renzo Berti e la Presidente della Provincia, Federica Fratoni. Tra gli scopi dell'Accademia, pro mendacio piastrensi, sentite un pò, ci sono:

– la valorizzazione e l'attualizzazione della tradizione bugiarda;

– la salvaguardia del patrimonio popolare che trae origine dagli affabulatori e dai raccontatori nati e cresciuti al caldo e al fumo dei metati, i casottini dove si seccavano le castagne;

– lo stabilire collegamenti tra i bugiardi piastresi e italiani e quelli presenti in ogni angolo del mondo, non dimenticando la promozione dello studio, dei testi e delle ricerche sulla bugia.

Ora, io non so dirvi quante risate mi ha scatenato questa notizia. La tradizione bugiarda! E che tradizione abbiamo nel nostro paese! Sono stata tutto il tempo a immaginare questi accademici (magari serissimi) seduti intorno a un tavolo a raccontarsi bugie ritrovate, a decidere qual è la migliore per il concorso da loro indetto, a ragionare se una bugia è buona oppure no. Non ci riesco: mi scoppia la risata. La bugia è una cosa che proprio mi scatena la risata diaframmatica! Forse perchè da piccola le bugie per me rappresentavano un divertimento pazzesco e ancora oggi è così.

Bugie comiche, bugie mascherate di verità, bugie farcite di paradosso: cosa c'è di più esilarante da leggere di bugie ben congegnate? E cosa c'è di più complesso da scrivere? I gialli non sono forse imperniati su bugie? Poi, innamorata come sono del mitico Pinocchio (un libro che conosco a menadito), non ho potuto che apprezzare questa iniziativa e non ho resistito a scriverne.

Ma lungi da me il paradosso del mentitore: l'Accademia della bugia esiste davvero!

Mariangela Lecci

P.s. Eventualmente il 31 luglio c'è l'edizione 2011 del Campionato italiano della bugia. State in campana!

Mariangela Lecci

A chi lascerò le mie password e i miei libri? A nessuno. Il Paradiso è quel posto dove potrò portarmi tutto questo con me. Il resto lo ritroverò lì. Gatto incluso.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.