Bookatini ricco mi ci ficco

Vi aspetta una settimana bella tosta e le ferie sono solo un lontano miraggio? Per venirvi incontro vi abbiamo preparato un gustosissimo piatto di bookatini, il comfort food più appagante che ci sia. Buon appetito!

  • Iniziamo in grande stile con le 11 regole d'oro per preparare un tè degno di George Orwell. Consigli preziosissimi su provenienza della materia prima, quantità, tipo di teiera e di tazza da utilizzare e, soprattutto, un po' di luce sull'annosa questione dell'aggiunta di latte e zucchero. A fine lettura sarete quasi pronti per Buckingham Palace. Quasi. (via Brain Pickings)
  • Se invece è il vostro guardaroba a avere bisogno di un tocco di stile, potete prendere in considerazione l'acquisto di un bel paio di leggings con i versi dell'Amleto. Passare inosservati sarà davvero difficile. (via Black Milk Clothing)
  • Dopo l'uscita del film è sempre più Great Gatsby mania; quello che però non tutti forse sanno è che il titolo originale del libro era un assai meno scintillante Trimalchio in West Egg. Delusi? Allora non vi farà piacere sapere che anche altri capolavori hanno avuto dei titoli originali non all'altezza. Qui, per esempio, vengono ricordati quelli di Via col vento, Festa mobileL'urlo e il furore e Addio alle armi. Ma non trasecolate troppo, alla fine anche gli autori si sono ricreduti. (via BOOK RIOT)
  • Qui a Finzioni, oltre ai libri, amiamo molto anche le serie TV. Non posso perciò esimermi dal segnalarvi la fantastica lista di letture di Rory Gilmore, una bookworm doc. Scatta la reading challenge!  (via Goodreads)
  • E per finire, fatevi quattro risate leggendo le dieci cose più strane sentite in libreria; pensate che c'è chi vorrebbe l'autografo di Shakespeare e chi domanda (forse legittimamente) se Dickens abbia mai scritto qualcosa di divertente. Enjoy. (via Parade)

Buona settimana!

Alessandra Ribolini

Traduttrice e teacher, ma soprattutto wannabe finta bionda senza averne l'aria

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.