Compiti per le vacanze: leggi!

Capita spesso che qualcuno, parlando di come ha imparato a odiare i libri, inizi il racconto dai tempi del liceo, quando i compiti per le vacanze comprendevano la lettura di romanzi. Di solito il professore consegnava una lista di titoli tra cui scegliere e il compito prevedeva anche una sintesi, un riassunto o una recensione. Il fatto è che spesso i libri scelti finivano con lo spegnere negli studenti qualsiasi forma di entusiamo. 

D’altronde, perché mai un ragazzo di sedici anni, nel pieno della sua estate migliore, tra una festa e un innamoramento dovrebbe appasionarsi a “Senilità”, per dire? Grande autore, grande letteratura, per carità, ma forse un po’ decontestualizzata. 
 
Per risolvere l’annoso problema c’è chi ha stilato una piccola classifica di libri per le vacanze più appettibili ma ugualmente istruttivi. 
Contro l’interpretazione” di Susan Sontag, ad esempio. O “Il Dio delle piccole cose” di Arundhati Roy.
Due titoli che da soli basterebbero a far capire che lettura non fa per forza rima con cariatide. E proseguendo nella classifica si azzarda addirittura un “Infinte Jest” di David Foster Wallace, un libro che quanto a complessità non ha nulla da invidiare ai più grandi classici della letteratura ma che di sicuro tratta temi più vicini alla realtà di un liceale (sport, scuola, amicizia e quasi tutto lo scibile umano). 
Non che il fine sia eliminare la lettura dei classici, anzi. Uno dei libri proposti è, ad esempio, "Anna Karenina". Motivazione? Chi meglio di un adolescente alle prese coi primi struggimenti amorosi, può capire le motivazioni e le angosce della povera Anna? 
 
Insomma, la scelta è ampia e quel conta è cercare di non rendere la lettura un esercizio meccanico. Perché il verbo leggere è un po' come come il verbo divertire: all'imperativo funzionano poco e male. 

Margherita Caramatti

Conosciuta anche come Maggie. E' nata con la passione per i libri e cresciuta con quella della tecnologia e del uéb, oggi cerca di unire le due cose e farne una professione.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.