È qui la festa?

Avete mai fatto parte di un gruppo di lettura? Se la vostra risposta è affermativa, di sicuro avrete familiarità con stati d'animo non molto piacevoli come il senso di colpa per non aver finito il libro in lettura, la tentazione di fingere di averlo fatto e l'irritazione di dover "perdere tempo" leggendo un'opera che preferireste veder distrutta tra le fiamme di Mordor. È un vero peccato, e allora perché non cercare di ritrovare l'entusiasmo perduto con una festa libresca?

L'idea è quella di lasciare perdere tutte le restrizioni e le regole di un book club e tornare al core pleasure, la lettura, vera ragion d'essere del party. Poi basterà riunire un gruppetto di amici bibliofili, trovare un luogo ben illuminato e con tante sedute, rifornirsi di cibarie fruibili con una mano sola e… iniziare a leggere. Ognuno potrà sollazzarsi con il libro che più lo aggrada e, se lo riterrà opportuno, potrà alzare il proprio bicchiere e condividere con gli altri qualche riflessione su quanto ha appena letto. Addio titoli imposti e conseguenti sensi di colpa, insomma, e ben ritrovato piacere della lettura in compagnia.

Be', se ultimamente avete qualcosa da festeggiare (non so, un qualche avvenimento pubblico o privato) questa è una buona idea, non trovate?

Alessandra Ribolini

Alessandra Ribolini

Traduttrice e teacher, ma soprattutto wannabe finta bionda senza averne l'aria

1 Commento