Ebook in streaming in Italia. Si può?

Photo credit: Matisse, La danza, 1910

Harper Collins, gigante dell'editoria USA, ha di recente firmato un contratto con Scribd.com per offrire ai suoi clienti un servizio di ebook in abbonamento. Se prendiamo come punto di riferimento quello che è accaduto con Spotify per la musica e con Netflix per la televisione, lo streaming potrebbe essere la giusta strada anche per i libri digitali.
In Italia ciò fa discutere, dal momento che non è ancora decollato per bene il mercato degli ebook.

Alcuni capoccioni Italiani come Cavallero, Direttore Generale Libri Trade per Mondadori; Vena, responsabile del settore digitale per RCS libri e Tombolini, boss di Simplicissimus Book Farm, hanno offerto il loro punto di vista e noi di Finzioni cercheremo di riproporvelo.

Cavallero più che allo streaming guarda a Matchbook di Amazon come al futuro dell'editoria, chi acquisterà un libro su Amazon per qualche cent in più potrà avere anche la copia digitale. Questa idea non è nuova nell'editoria italiana, vi ricordate cos'ha fatto Utet?

Vena è abbastanza scettico, anche lui come Cavallero pensa che sia innanzitutto necessario rinegoziare i contratti, ed è dell'avviso che non sia saggio buttarsi sullo streaming: si tratta di un business che si rivolge ai lettori forti, e noi sappiamo che in Italia sono bestie rare!

Fin qui pare che le prospettive di avere gli ebook in streaming in Italia siano piuttosto grigie… ma non è così.
Tombolini è ottimista! Già sul suo blog, aveva confessato di essere preoccupato per il business: si rigirava nel letto senza prender sonno pensando che l'idea di vendere gli ebook così come si vende un libro di carta prima o poi avrebbe creato qualche problema, di qualcuno di questi abbiamo parlato qui.

Non appena sentì parlare di streaming gli si drizzarono le orecchie al papà di Simplicissimus Book Farm, fu così che decise di darsi da fare. Pochi giorni fa ha annunciato su Affaritaliani.it di aver già preso accordi con 24symbols.com, piattaforma di lettura in streaming spagnola, con cui sta per firmare un contratto.

Anche noi in Italia a breve potremo avere il nostro servizio di ebook in streaming.

Probabilmente neanche questa mossa basterà a dare sicurezza a papà Tombolini, boss di Simplicissimus Book Farm, futuro pioniere dello streaming letterario in Italia. Sebbene sia convinto che tecnicamente non ci siano impedimenti (nel senso che ci si può connettere a internet praticamente ovunque, secondo lui) un limite è dato sicuramente dal fatto che, diversamente a quanto accade con la musica, non si possono leggere più di un certo tot di libri in un mese, e l'offerta al momento è piuttosto limitata… effettivamente anche Google ci aveva pensato allo streaming, ma poi ha fatto marcia indietro preferendo la vendita “tradizionale”…

Ma Tombolini è comunque deciso a rischiare.

E noi saremo qui per raccontarvi come andrà

Sara Cocco

Il mio pallino per l'editoria digitale si è rotto come un uovo, ed è finalmente nata Regina Zabo edizioni, ora faccio il direttore.

Nessun commento, per ora

I commenti sono chiusi.