eBooks all you can read

Fino a qualche anno fa era impensabile andare al giapponese e sfondarsi di sushi come avessimo l'apparato digerente di un orso bianco, sarebbe costata meno l'operazione chirurgica per avercele davvero, le fattezze di un orso. E invece ora basta sganciare 20 eurini che ti si stende dinnanzi un intero banco della pescheria che nemmeno a Nagoya. Chi dice fantastico, chi dice proprio no, chi è scettico circa la freschezza, il punto è che si può, e in tanti si abbuffano felicemente grazie ai buffet all-you-can-eat (tutto quello che riesci a mangiare). Chi avrebbe mai pensato che si potesse usare la stessa formula per gli eBook?

Questa settimana, ben due piattaforme all-you-can-read (tutto quello che riesci a leggere) sono nate negli USA: Oyster e EReatah. Se credete ancora che sia impensabile e una gran novità, attenzione attenzione: Spotify e Netfix non offrono forse lo stesso servizio, rispettivamente per musica e film? Ma per dirne una semplice, anche un abbonamento tv Sky funziona più o meno così: tu paghi un fisso al mese e puoi guardarti tutti i canali che ti pare (a seconda dell'abbonamento). La vita è un buffet, ragazzi, basta pagare.

Ecco, EReatah funziona come Sky, praticamente, con abbonamenti mensili a fasce: 2 eBook per $ 16.99; 3 per $ 25.50; 4 per $ 33.50. Gli eBook sono protetti con DRM e se ne acquista la licenza (che non è esattamente come possedere fisicamente qualcosa, ma abbiamo già parlato del fatto che forse forse gli eBook sono più software che oggetti). Il costo dell'abbonamento forse è alto o forse no, non importa, il punto è il concetto, finalmente esteso anche agli eBook. Che si discosta comunque dal celebre (non so se ricordate) Club deli Editori – già Mondolibri, ora fallito – che ti mandava il catalogo, tu sceglievi e poi pagavi con il bollettino (il bollettino!!) i libri domiciliati, tutto con forti sconti a patto di acquistare almeno un libro a mese.

Oyster è leggermente diverso da EReatah (ne aveva già parlato l'anno scorso la nostra Viviana): l'abbonamento costa $ 9.95 e di eBook ne puoi leggere quanti vuoi, quanti puoi. Un vero e proprio all you can read, insomma, scaricando la app (solo per dispositivi Apple, inutile rischiare da subito facendo terra battuta) e leggendo anche da offline.

Ora, possiamo stare qui tutto il giorno a parlare del fatto che la letteratura così è snaturata, privata di ogni poeticismo, ridotta ad un calcolo di marketing. Ma anche non farlo, ad esempio, e invece pensare che:

  1. tanto oramai tutti scrivono o hanno scritto almeno un libro, e quindi;
  2. con l'avvento degli eBook era da mettere in conto un restauro del concetto di letteratura;
  3. un abbonamento a basso costo scongiura facilmente il rischio che i diritti d'autore vengano violati (pirati!);
  4. abbuffarsi di libri non ha mai fatto ingrassare nessuno.

Che poi, Oyster e EReatah non sono memmeno pioniere del buffet digital-letterario: c'è Safari Books, Kindle Owners' Lending Library, Bookboard (ricordate?) offrono già da un po' servizi simili. Persino in Spagna c'è 24symbols ma in Italia siamo pronti a strafogarci di lettura?

Sara D'Agostino

Book nerd D.O.C., crede nella Forza come religione e ha una dipendenza da asciugacapelli. Da vera strapezzente, ha percorso la rotta di Kessel in meno di dodici Parsec.

3 Commenti