La strategia di crescita di Amazon Publishing per il 2014

Amazon Publishing esce allo scoperto e svela le proprie intenzioni per il 2014. Parola d'ordine: crescita! ll VP Jeff Belle avrebbe infatti inviato recentemente un memo alle agenzie letterarie sottolineando che innanzitutto si darà il via ad un'espansione dell'organico, con 70 assunzioni in posizioni chiavi negli ufficio di Seattle, New York, Lussemburgo, Londra e Monaco di Baviera.

Ovviamente l'espansione in Nord America è un fattore chiave per riuscire a pubblicare più libri e coinvolgere più autori. Ma è un deal recentemente firmato in Germania ad aver fatto più scalpore ultimamente. Jorrit Van der Meulen, VP europeo di Amazon Publishing, si è detto molto soddisfatto dei risultati ottenuti grazie ad un'operazione che ha portato alla pubblicazione di oltre duecento nuovi titoli in lingua tedesca, realizzata grazie alla partnership con Sarah Tomashek, leader della branch di Monaco di Amazon Publishing.

Naturalmente anche il Regno Unito rappresenta sempre una terra di conquista per Amazon: l'obiettivo qui è quello di far uscire cinquecento nuovi titoli di autori locali, insieme a testi che contemporaneamente usciranno negli States. Una politica di acquisizioni e di offerte ultra-competitive sui titoli in uscita ha fatto sì che Amazon fosse recentemente in grado di vincere in UK le aste per The Thief Taker di Cath Quinn, attraverso Piers Blofeld, agente di Sheil Land Associates, e From the Cradle, di Mark Edwards e Louise Voss, attraverso Sam Copeland di Rogers, Coleridge & White.

A supporto della strategia di crescita, Amazon Publishing ha lanciato a fine 2013 il Kindle First Program, che consente ai Prime Members di scaricare in anteprima gli eBook al prezzo di 1.99 $, un'offerta che può far cadere molti in tentazione.

Tuttavia la sfida non è semplice: portare i libri pubblicati da Amazon nelle mani dei lettori è un obiettivo che viene ostacolato da molti. Barnes and Noble si è rifiutata di vendere i libri stampati da Amazon nelle proprie librerie, e subito la Indigo, in Canada, l'ha imitata. Diversi agenti e veterani del settore non vedono di buon occhio l'entrata di prepotenza del gigante del commercio online nell'editoria tradizionale.

Nonostante ciò, alcuni libri pubblicati da Amazon per ora stanno andando molto bene. Per fare qualche esempio, Helen Bryan, autrice di romanzi storici quali War Brides (2012) e The Sisterhood (2013), è diventata la seconda autrice di Amazon Publishing in grado di vendere un milione di copie tra libri stampati, audio ed edizioni per Kindle. Allo stesso modo, nel luglio 2013, Oliver Pötzsch ha superato il milione di copie con l'acclamata serie Hangman's Daughter.

Fonte: GoodEReader

Elena Chiara Mitrani

Colleziono macchine da scrivere. Amo Parigi, i libri e il calcio. Scrivo di libri, viaggi ed esseri umani.

2 Commenti