PLAGIO!

 Attualità & Approfondimento / PLAGIO!

Questa poi, non avremmo mai immaginato di vederla… Dura la vita del lettore 2.0! Uno si compra i libri, se li legge, e poi ha la bontà di andare sulla rete e di condividere opinioni e considerazioni con altri utenti, in modo da arricchirsi vicendevolmente con un dialogo intorno ai libri stessi. Bello no? Tant’è vero che ormai da tempo sono sorti luoghi virtuali e social network fatti su misura per i lettori del nuovo millennio. Uno dei più frequentati in Italia è aNobii, dovre tra recensioni personali e discussioni sui gruppi il cibo per la mente non manca, tanto che agli anobiani abbiamo pure dedicato una rubrica

Ma stamani veniamo a sapere una cosa che ha dell’incredibile: pare insomma che un certo P.Raffo, già prontamente soprannominato "AR.Raffo", si diverta a rubare le recensioni che gli utenti italiani di Anobii postano sulle loro librerie per poi pubblicarle sul sito Libreriauniversitaria.it. E fin qui potrebbe benissimo trattarsi di uno privo di fantasia o di uno che ha tanto ammirato certe recensioni da voler ripubblicarle altrove. Eh no! Il fatto è che Libreriauniversitaria.it regala 5€ in buoni libro per ogni 20 recensioni pubblicate! E il signor Raffo ormai pesca a mani basse dagli utenti anobiani!

I quali però se ne sono accorti e hanno denunciato la cosa in una discussione del gruppo "aNobii Etiquette". E sembra che non sia nemmeno il solo! Il furto, affermano, è particolarmente fastidioso e quanto mai meschino: vabbè che al massimo uno ci guadagna solo 15€ in buoni libri (questo è il limite fissato da Libreriauniversitaria.it) ma anche così si tratta di un’operazione davvero spregevole! Dice per esempio un certo Miki:

Ciao, grazie alla segnalazione di Macbetto ho scoperto anch’io che questo P. Raffo mi ha rubato una recensione. Mi sembra veramente tristissimo fare una cosa del genere per 5 euro… Segnalero’ anch’io la cosa a Libreria Universitaria, anche se non serve mi sembra giusto fare presente la cosa ogni volta che succede. Nascondere le recensioni mi dispiacerebbe, io le scrivo proprio per condividere il mio parere con altri su Anobii. Ha ragione Claudia, se uno non e’ piu’ nemmeno capace di scrivere da solo un commento di 3 righe… che tristezza

Gli utenti rapinati hanno giustamente cominciato a fare le pulci a tutte le recensioni scritte da P.Raffo e hanno notato che le vittime sono ormai parecchie e che il plagiatore talvolta fa dei taglia-e-cuci con scritti diversi, non degnandosi neanche di uniformare il genere dei sostantivi e altalenando allegramente tra il maschile e il femminile!. Quando hanno segnalato la cosa al sito di Libreriauniversitaria, in alcuni casi hanno visto le recensioni incriminate venir cancellate, ma in altri no, probabilmente a causa dell’iperattivismo di P.Raffo.

Che dire? In primo luogo che gli anobiani rapinati hanno tutta la nostra solidarietà: speriamo davvero che episodi come questi non li privino della voglia di condividere con tutti la loro passione per i libri. E in secondo luogo un avviso a P.Raffo e a quelli come lui: occhio, vi teniamo sotto controllo! Bando ai plagiatori!

eFFe

 

eFFe

eFFe sarebbe un antropologo, ma ha lavorato come lavapiatti, professore, pubblicitario, ghost-writer e sandwich-man. Di conseguenza non crede che un uomo possa essere definito dal lavoro che fa, ma solo da come lo fa.

4 Commenti
  1. Appunto! Se il plagio può essere un’arte, il Sig. Ar.Raffo invece è solo un bambino che all’asilo si trova i pennerelli in mano per la prima volta!

  2. Arraffo, caro, ma sei così ignorante e così povero? Se smetti di rubare le recensioni ti compero un panino. Togli le dita dal naso, però!!